martedì 13 novembre 2018

"UNA MANO D'ITALIANO" TESTIMONIANZA DI UNA MAMMA

"Innanzi tutto faccio presente che mia figlia è discalculica e ha difficoltà alla comprensione.
Io personalmente ho sempre visto in mia figlia l'assenza totale di immaginazione: a scuola hanno disegnato pochissimo e la didattica è stata sempre più di tipo frontale con concetti molto astratti.
Essendo in quinta c'è da recuperare molto ma nulla è perduto.
Sto per ora lavorando sui VERBI e GRAMMATICA.
I temi a scuola non li sta facendo e nemmeno i riassunti, dedicherò questo aspetto questa estate.
Le poesie a scuola non le studiano proprio quindi per ora lo lascio da parte.
Ad ogni occasione di esercizio di grammatica e verbi le propongo le relative mappe e procedo per gradi: prima individua cosa è (nome agg etc) poi segue l'approfondimento (nome: comune cosa etc...) sempre usando le immagini.
Serve tempo anche perché ormai il programma di grammatica è quasi ultimato... ma qualcosa si sta smuovendo: proprio ieri l'interrogazione sugli aggettivi e pronomi numerali ha preso buono e mia figlia mi ha riferito che la maestra aveva una strana faccia!!!! (da notare che prima di acquistare i suoi strumenti la bambina ha sempre sbagliato).
Con le difficoltà che mia figlia ha per me è un successone il voto di grammatica di ieri!
Grazie per il lavoro che state facendo.
Saluti C."
Se vuoi approfondire l'argomento clicca qui.

lunedì 12 novembre 2018

"BIMBI BRAVI A SCUOLA" "UNA MANO D'ITALIANO" TESTIMONIANZE VARIE

DOMANDA
"Buongiorno Giorgio,
ho letto con curiosità tutto il materiale riguardante il pacchetto di Bimbi bravi a scuola.
In realtà sono un' insegnante alla ricerca di nuove metodologie che rendano il mio lavoro più proficuo e stimolante.
Altri insegnanti l' hanno contattata o hanno sperimentato queste nuove tecniche? E se sì, in che modo?
Resto in attesa di una sua risposta e ringrazio anticipatamente.
Saluti L."


RISPOSTA
Ciao L.,
il mio materiale è acquistato sia da genitori che da insegnanti.
In verità gli insegnanti mi regalano pochi feedback.
Ogni tanto mi arriva qualche mail in cui si dice che si trovano bene con il metodo, ma non scendono troppo nei particolari.
Cosa che invece fanno molto i genitori, probabilmente perché si sentono meno sicuri e cercano conferme.
Di seguito te ne metto alcune prese qua e là tra le tante che mi arrivano.

-Buon giorno Giorgio, finora ho affrontato solo una poesia ma con gran successo (San Martino). Con A. abbiamo cambiato alcune immagini ( il Dalai Lama che a lei non diceva nulla… è diventato un dalmata) e il guscio sul quale sta il cacciatore è diventato un vero e proprio uscio (una porta con dentro il cacciatore). Altro cambio “le anime a rallegrar”, anche questa immagine per lei non immediata è diventata una tomba ( le anime) con un sorriso sopra. Per il resto tutto liscio!!! Mi cimento oggi con i verbi ma mi pare che il metodo non solo le piaccia, ma si diverta non poco!!!

-Al momento va tutto bene, con le schede su come fare le lettere nel modo giusto sparpagliate sul tavolo quando si fanno i compiti, non c'è più modo di sbagliarle e mio figlio, che è un tipo preciso, e' contento di seguire i suoi consigli.

-Ciao Giorgio. Ho concluso di leggere "Bimbi bravi a scuola" molto chiaro nella spiegazione e come tecniche di studio sono veramente innovative, efficaci, divertenti e facili da realizzare. La tecnica delle mappe mentali secondo me è un ottimo strumento nello studio e per la memorizzazione. Se le avessi usate anch'io quando studiavo, avrei impiegato sicuramente metà del tempo. 

-Con la tua cartina A. ha imparato in pochi minuti per qualche giorno tutte le regioni d'Italia. Senza fatica e divertendosi! Grazie davvero, sei un genio! Dovresti fare la stessa cosa per le province, per l'Europa e per il mondo. Credo che in molti dopo aver visto l'Italia aggiungerebbero il resto!
In genarale tutto il pacchetto è stato il miglior investimento fatto per l'autostima di A.

-Ti chiedo scusa per non averti più risposto alle tue mail......ma va tutto stupendamente bene Grazie a Te per essere entrato nelle nostre vite con Bimbi Bravi a Scuola e Tabelline Facili... Le mie figlie che ti ricordo sono in seconda elementare sono passate da avere 6 e con problemi di comprensione (questo il giudizio delle insegnanti) a 10 Super... so solo che non mi basteranno 10.000 Vite per ringraziarti e so che non sarà mai abbastanza!

-ho ricevuto il materiale, ho iniziato a leggerlo (veramente l'ho fatto scorrere cercando di capirne i concetti) e ho detto interessante!
Ma in un primo momento mi sembrava un po' articolato... il giorno dopo non riuscivo a pensare ad altro!
Mi si e' aperto un mondo! Quello a cui ho dato più attenzione e' "una mano di grammatica", sinceramente io l'analisi grammaticale l'avevo dimenticata e pensando a quando l'avevo studiata mi veniva in mente solo un gran rottura, ora ho scoperto che e' facile memorizzarne i concetti.
Poi quello che mi ha fatto più piacere e' che ho provato a dire -senza far vedere nulla- a mio figlio (che ha studiato solo nomi e verbi in maniera molto blanda) per i verbi immagina un verme, per i nomi immagina i nonni e cosi' via e mi ha fatto l'analisi grammaticale di una frase in mezzo secondo!!!!!!

Perché le maestre non conoscono questo metodo e se lo conoscono non lo usano???? Avrebbero classi piene di bambini felici e assetati di conoscenza.

Se vuoi saperne di più clicca qui.






venerdì 9 novembre 2018

"UNA MANO D'ITALIANO" TESTIMONIANZA DI UNA MAMMA

"Ciao Giorgio, innanzi tutto ti ringrazio per il tuo interessamento.
Ho un figlio che frequenta la quarta elementare, malgrado i primi tre anni siano andati abbastanza bene da quest'anno è iniziato l'incubo. Passavamo intere giornate a studiare ma senza alcun risultato; arrivavano i 5 come se piovesse e poi le maestre continuavano a contattarmi dicendomi che il bimbo non studiava e che era sempre molto nervoso.
Presa dalla disperazione ho cominciato a chiedere ai mie colleghi, a fare ricerche in internet a consultare libri... chiesi persino alla pediatra se ci fosse qualche farmaco apposito per la memoria.
Qualche giorno fa sul sito di "maestrasabry" trovo il link di bimbi bravi a scuola, sono un po' scettica ma comunque scarico il primo zip (oramai ho provato di tutto) di "Bimbi bravi a scuola".
L'ho letto in pochissimo tempo trovandolo interessantissimo e così ho scaricato anche "Una mano d'Italiano".
Torno a casa dal lavoro e mio figlio piagnucolante mi dice che il giorno dopo ha l'interrogazione sul congiuntivo del verbo essere e avere. Colgo subito l'occasione e stampo le mappe mentale dei verbi, abbiamo studiato i grafici circa mezz'oretta con mio mio marito che ci guardava perplesso.
Ero un po' preoccupata perchè malgrado tutto pensavo che il giorno dopo avrebbe preso un altro 5 e che questa cosa non serviva a nulla.
Mio figlio però era stranamente vivace, malgrado l'ora, di scartabbelare fogli e ripetere i verbi.. mah...
Il giorno dopo mi chiama tutto eccitato e mi dice che ha preso 9 e che la mAestra gli ha detto "Vedi che se ti impegni molto nello studio riesci a fare le cose!".
Ora è tutto in discesa, lato mio ho moltissimo lavoro da fare per inventarmi nuove cose e ritrovare il fanciullino che c'è in me, ma questo è un metodo che funziona e sono contentissima di averti conosciuto.
Grazie
T."
Se vuoi approfondire l'argomento clicca qui.

mercoledì 7 novembre 2018

"LEGGO BENE" TESTIMONIANZA DI UNA MAMMA

"Volevo dirti che il materiale di LEGGO BENE sono riuscita a scaricarlo correttamente e lo sto utilizzando con i miei bimbi, specialmente il Ping-pong delle parole, Zac-Zac, Parole dimezzate, Labirinti per allenare il loro colpo d’occhio.
Loro mi stanno dietro e si divertono, perché lo facciamo come gioco.
Anche A., che ha fatto la terza, sul quale volevo concentrare maggiormente il mio sforzo, sta al gioco e partecipa J
C. che ha concluso la prima, legge già molto bene per la sua età, ma si diverte anche lei a fare i tuoi giochi di lettura."

Se vuoi approfondire l'argomento, CLICCA QUI.

martedì 6 novembre 2018

"UNA MANO D'ITALIANO" TESTIMONIANZA DI UNA MAESTRA

"Carissimo Giorgio a dire il vero, dall'acquisto dei testi, di mesi ne sono passati otto... il tempo vola.
Premetto che insegno in una classe terza primaria dove sono inseriti due DSA e un bambino con problemi di apprendimento, tra i testi acquistati il più usato è stato quello di grammatica, seguito da "Un occhio ai verbi", di quest'ultimo abbiamo approfondito i tempi del modo indicativo, dell'infinito e del participio, i risultati sembrano buoni; durante le lezioni gli alunni interagivano, hanno avuto un ruolo attivo, conseguentemente ho potuto lavorare anche per tempi abbastanza lunghi rispetto ai precedenti.
L' 85% della classe ricorda ciò che ha appreso.  
Ho adattato alcuni punti, per esempio: alcuni alunni avevano difficoltà a ricordare "Voi foste" insieme abbiamo deciso di disegnare le bambine con la divisa delle hostess e i bambini che dicevano: -Voi hostess- tutti quanti dentro la casa terremotata è stato sufficiente una volta per non sbagliare più.
Sono stata l'unica docente di terza (su quattro terze) ad aver svolto tutto il programma di grammatica, considera che tre classi (tra cui la mia) svolgono il programma su 27 e una su 40 ore.
Un caro saluto
M."
Se vuoi approfondire l'argomento clicca qui.

lunedì 5 novembre 2018

DOMANDA SUL METODO SEF

Domanda
"Caro Giorgio,
sono una mamma estremamente incuriosita perché interessata alle novità in campo didattico-educativo.
Ho  esplorato con attenzione il materiale che proponi, tuttavia non sono riuscita a comprendere come mai questa ”strategia d’apprendimento” possa essere valida solo per la scuola primaria e riguardare solo una parte delle discipline.
Ringraziandoti anticipatamente per il chiarimento che vorrai darmi, ti saluto con cordialità."
G.

Risposta
Ciao G.,

in effetti come dici tu "Bimbi bravi a scuola" può benissimo andare oltre la scuola primaria.
Io insisto con le elementari perché:
1) è cucito addosso alle peculiarità dei bimbi, creatività ed immaginazione, che come ben sai, ne posseggono in quantità industriali.
In tal modo, l'apprendimento viene proposto dal loro punto di vista e non da quello dei grandi.
Con tutte le conseguenze positive che puoi immaginare.
2) Prima si comincia e meglio è, in modo da suggerire fin da subito che l'apprendimento se fatto in una certa maniera, è arricchimento invece che noia.
Far capire ai bimbi questa equazione, significa spianare loro gli anni a venire sui libri.
Per quello che concerne come tu dici, "...riguardare solo una parte delle discipline."
In effetti G., il metodo riguarda tutte le materie.
Quelli che propongo, sono degli esempi esplicativi da applicare in scienze, storia e geografia.
Partendo da essi, puoi estendere le tecniche a tutto.
Un caro saluto
Giorgio Luigi Borghi

Se vuoi sapere qualcosa di più sul metodo che usa G. clicca qui.